Attraverso le Alpi - Un cammino per comunicare solidarietà alle Valli colpite dall'alluvione

Noi tutti Professionisti e Apripista partecipanti al progetto TERRACT siamo profondamente scossi e vicini alle comunità delle valli Gesso, Roya, Stura, Tinée, Vermenagna e Vesubie che venerdì 2 ottobre sono state travolte dall’alluvione. In questi tre anni abbiamo lavorato nei territori, imparando a conoscere queste montagne e instaurando rapporti profondi con le persone che le abitano.

Lunedì 5 ottobre, avremmo dovuto iniziare il terzo cammino di Attraverso le Alpi. Da Cuneo avremmo dovuto attraversare tutti i paesi incontrati durante il progetto, per ripercorrere con gli abitanti le attività fatte insieme in questo triennio. Ci siamo chiesti quale fosse il senso di un’iniziativa di cammino in un momento così critico e subito siamo stati tentati di annullare l’evento.

Ma poi siamo giunti ad una diversa riflessione: non è certo il momento per attraversare questi territori con quello spirito di festa che avevamo ipotizzato, tuttavia, sentiamo la necessità e il desiderio di testimoniare la nostra solidarietà e dimostrare il nostro affetto per queste valli e per le persone che le abitano.

Abbiamo dunque deciso di trasformare Attraverso le Alpi in un percorso fatto lentamente e a tappe ridotte per incontrare la gente e ragionare su come si possa, a partire da questa improvvisa e terribile sciagura,insieme progettare un futuro anche a partire dall’arte e dalla cultura.

Il Teatro Sociale e di Comunità non ha strumenti per ricostruire i ponti crollati, ma per sua natura ha il potere di rendere solidi i ponti delle relazioni e della vita di comunità ed è su questo aspetto fondamentale che oggi possiamo dare un contributo.

Da lunedì 5 a venerdì 9 ottobre saremo in valle Stura e in valle Vermenagna, camminando di paese in paese: incontreremo i sindaci, le associazioni e gli abitanti locali e dialogheremo con loro chiedendoci cosa possa fare un progetto Alcotra come il nostro per sostenere questo territorio ferito; rifletteremo insieme sulla fragilità dell’equilibrio ambientale e climatico e su come si possa contribuire, anche attraverso azioni di Teatro Sociale e di Comunità, a sensibilizzare l’attenzione di tutti sui danni sempre più evidenti del cambiamento climatico.

Le tappe del cammino sono così rimodulate:

Lunedì 5 ottobre

partenza da Cuneo ore 8,30 e arrivo a Moiola intorno alle ore 17

Martedì 6 ottobre

partenza da Moiola ore 7,30 e arrivo a Vinadio intorno alle ore 16

Mercoledì 7 ottobre

partenza da Vinadio ore 7,30 salita al Colle della Lombarda e rientro a Vinadio intorno alle ore 19

Giovedì 8 ottobre

trasferimento a Vernante

Venerdì 9 ottobre

partenza da Vernante alle ore 7,30 e arrivo a Cuneo intorno alle ore 17

30 luglio - SALUTI E BACI #POSTCARDS spettacolo

SALUTI E BACI #POSTCARDS

Evento teatral/postale di spedizione di cartoline dalla Valle Stura al mondo

GIOVEDÌ 30 LUGLIO 

ore 18.00 prima replica 

ore 21.30 seconda replica

Bastione del Forte di Vinadio

Ingresso libero

Ricevere una cartolina ci fa sapere che qualcuno ci pensa, che vuole condividere con noi il luogo che sta attraversando come turista o nel quale vive. 

Una cartolina racconta un frammento di paesaggio e di cultura e percorre un viaggio prima di arrivare a destinazione. 

Benvenuti a “Saluti e baci #Postcards”, uno spettacolo a quadri con racconti, musica e aneddoti ispirati dalle lettere e dalle interviste agli abitanti della Valle Stura e, allo stesso tempo, un gioco teatrale che coinvolge il pubblico nella scrittura, affrancatura e spedizione di speciali cartoline della Valle a destinatari lontani. 

Una spettacolo creato da 

Isacco Basilotta, Giulio Bellotto, Alice Guarente, Emilie Paeta, Miriam Rubeis

e

Maurizio Bertolini, Alberto Pagliarino, Viola Zangirolami

Con in scena

Gimmi Basilotta, Giulio Bellotto, Maurizio Bertolini, Paola Dogliani, Alice Guarente, Caterina Lucarini, Sebastiano Moltrer, Emilie Paeta, Alberto Pagliarino, Miriam Rubeis, Viola Zangirolami

Musiche di 

Silvio Arato, Isacco Basilotta, Maurizio Bertolini

Elementi scenografici e di costume

Maurizio Agostinetto, Marina Berro

Collaborazione alla produzione

Gimmi Basilotta, Alice Gamba

Supervisione Artistica

Alessandra Rossi Ghiglione

Fonica e Tecnica

Jacopo Fantini

Con la speciale partecipazione di 

Beppe Degioanni, Maria Luisa e Marisa dell’Associazione Folkloristica La Rasdouireto

Si ringraziano

Il Comune di Vinadio, Emmaus, Romina Dogliani, Poste Italiane, Il progetto Muovere le Montagne

E gli abitanti della Valle intervistati

Silvana Dogliani, Anna Giraudo, Ibrahim Gneme, Giulia Jannelli, Stefano Martini, Stefano Melchio, 

Don Beppe Panero

Documentazione fotografica e realizzazione cartoline

Chiara Agostinetto 

Videoriprese

Frana Produzioni: Anna Cordioli, Francesco Moroni Spidalieri, Alessio Nicastro

Un grazie speciale a tutto il gruppo degli apripista Terract della Valle Stura

e a tutti i giovani del gruppo Terract-Teen

In collaborazione con 

Società Cooperativa Faber Teater, Cooperativa Germinale, Associazione Culturale Il Mutamento 


27 luglio - I FILI E LE VOCI DELLA VALLE

I FILI E LE VOCI DELLA VALLE
Installazione artistica e sonora realizzata tra le vie del centro abitato di Demonte, Aisone e Moiola.
27 luglio ore 19.00 inaugurazione
28/29/30 luglio visite guidate su prenotazione


L’allestimento è creato insieme alla comunità del territorio attraverso il recupero delle storie della Valle Stura e racconta la poesia dei luoghi e delle esistenze per scoprire in prima persona le meraviglie del territorio attraverso le voci dei suoi abitanti. L’intento è di tracciare un lungo sentiero che possa ispirare uno sguardo aperto verso il futuro.

Il percorso prende il via dal comune di Aisone, prosegue nel comune di Moiola e termina a Demonte.
Il viaggiatore può godere del percorso ammirando l’incredibile bellezza della Valle e con lentezza, parola dopo parola, disegnare una mappa di emozioni e, forse, scoprire un tesoro finale.  

Ogni tappa racconta con occhi diversi le vite di chi in Valle ci ha vissuto, ci vive e ci è tornato. Le diverse sfumature si intrecciano per dare vita ad una vera e propria cartolina vivente che si arricchisce e si trasforma ad ogni passaggio.

Ad inaugurare questo viaggio artistico il 27 luglio saranno presenti i sindaci di Demonte, Moiola e Aisone che diventeranno i custodi di questo particolare itinerario. Lettura di racconti e momenti musicali accompagneranno l’evento che sarà tradotto in lingua italiana dei segni.


Visite guidate dagli apripista di Terract su prenotazione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
28 luglio Aisone ore 18.00  
29 luglio Moiola ore 18.00

Visite guidate per persone cieche e ipovedenti su prenotazione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
28 luglio Aisone ore 10.00 e 16.00 
29 luglio Moiola ore 10.00 e 16.00
30 luglio Demonte ore 10.00

In caso di pioggia l’evento del 27 luglio sarà spostato all’Anfiteatro di Demonte. 

Evento gratuito e ad accesso libero con posti limitati.

Per immergersi totalmente nell’esperienza si consiglia l’uso degli auricolari.

24-27 luglio - I POSTINI ITINERANTI

I POSTINI ITINERANTI

Incursioni teatrali e musicali con distribuzione e raccolta delle cartoline Terract

24, 25, 26, 27 LUGLIO

Demonte, Vinadio, Aisone, Santuario di S. Anna, Roccasparvera

Guardatevi intorno mentre camminate per i paesi e le strade della Valle Stura potreste incontrare i postini di Terract che, con speciali cartoline e cassette postali a taglia umana, vi inviteranno a scrivere un saluto ad amici e parenti lontani e raccontare così un pezzetto della Valle Stura che piace a voi. Fatevi coinvolgere e lasciate il vostro contributo!

Tutte le cartoline verranno poi affrancate e spedite in un grande momento di festa e spettacolo il 30 luglio. 

I FILI E LE VOCI DELLA VALLE

Clicca qui per scaricare la mappa del percorso di Aisone

Clicca qui per scaricare la mappa del percorso di Moiola

Clicca qui per scaricare la mappa del percorso di Demonte

Non si può vivere come un’isola, le nostre esistenze sono legate da una ragnatela di fili.

Un percorso guidato di installazioni e tracce audio prende vita nei centri abitati dei paesi della Valle Stura e rende quei fili visibili. “I Fili e le Voci della Valle” è un allestimento creato dai giovani Apripista in formazione del progetto Terract insieme alla comunità del territorio attraverso il recupero delle storie della Valle Stura e racconta la poesia dei luoghi e delle esistenze per scoprire in prima persona la meraviglia della Valle attraverso le voci dei suoi abitanti.

Il percorso prende il via dal comune di Aisone, prosegue nel comune di Moiola e termina a Demonte.

Il viaggiatore può godere del percorso ammirando l’incredibile bellezza della Valle e con lentezza, parola dopo parola, disegnare una mappa di emozioni e, forse, scoprire un tesoro finale.

Ogni tappa racconta con occhi diversi le vite di chi in Valle ci ha vissuto, ci vive e ci è tornato. Le diverse sfumature si intrecciano per dare vita ad una vera e propria cartolina vivente che si arricchisce e si trasforma ad ogni passaggio.

Ci sono luoghi, valli, paesi, che sembrano fatti apposta per essere percorsi. A volte è facile raccontarli semplicemente per quello che l’occhio vede e per quello che dicono di loro i libri di storia o le guide turistiche che presentano un luogo per poche cose caratteristiche. A noi, invece, piace pensare che ogni percorso è anche un intreccio di storie sia personali sia condivise. Le storie dei suoi abitanti sono il dono più prezioso per chi parte alla scoperta di un territorio. Vogliamo farvi scoprire un luogo, come fosse la prima volta, attraverso ricordi che sanno di passato e parole che guardano al futuro.

Il percorso di storie l’abbiamo costruito insieme agli abitanti perché i luoghi appartengono a chi li vive, sia a chi ci è nato sia a chi per destino o scelta ha deciso di arrivare o tornare. Vogliamo che anche voi possiate assaggiare questi luoghi con tutti loro. Vi va di seguirci?

Potete fare il percorso nei giorni 28, 29 e 30 luglio 2020. In seguito, Terract affiderà i percorsi alle amministrazioni comunali di Aisone, Moiola e Demonte affinché li rendano permanenti.